Gli inizi

 

Prima partita 1989Roberta Vinci inizia a prendere la racchetta in mano all’età di sei anni: il padre,  Angelo la porta al Circolo Tennis di Taranto insieme con il fratello maggiore Francesco. Il suo primo maestro è Davide Diroma. Nel 1995, a 12 anni, conquista la Coppa Lambertenghi, diventando la campionessa Nazionale della categoria;  inoltre conduce la squadra femminile under 12 del Circolo Tennis Taranto alla conquista del titolo nazionale a squadre. 1-Roberta-Vinci-torneo-under-12-VomeroRoberta ormai è conosciuta a livello Nazionale. Raccoglie i primi successi a livello Under 12 nella sua Regione, la Puglia, e nel 1994 vince il Master Regionale Under 12 a Conversano.

Il suo talento è sotto gli occhi di tutti i tecnici Nazionali, esperti di tennis..e non solo…infatti la sua predisposizione allo sport fa si che un giorno accada un aneddoto molto particolare: durante un allenamento al Circolo Tennis Taranto, Roberta inizia a palleggiare con i piedi con una pallina da tennis; così viene vista dall’allenatore della squadra di Calcio femminile del circolo che le propone di provare a giocare al calcio.. non sappiamo se avrebbe avuto gli stessi risultati…Alla tenera età 13 anni, la Federazione Italiana Tennis punta su di lei e la inserisce nella lista dei ragazzi più promettenti a livello nazionale, offrendole la possibilità di allenarsi presso la struttura delle “TreFontane”, con tecnici federali , a Roma insieme ad altre giovani promesse, come Flavia Pennetta e Francesca Schiavone. Così, quando è poco più di una bambina, Roby si trasferisce a Roma per inseguire il suo sogno, lasciando Taranto, la sua famiglia, i suoi peluches ed i compagni di scuola.                           

1-Roberta-Vinci-torneo-under-14-premiazione-con-S-ChieppaRoberta entra stabilmente a fare parte della Nazionale Italiana, dove gioca singolo e doppio. Nel 1997 si laurea campionessa Italiana under 14 di singolo e doppio giocando la finale proprio contro la sua compagna di doppio, Stefania Chieppa. Nello stesso anno, con la stessa compagna , vince a San Remo i Campionati Europei under 14 di doppio.
1-Roberta-Vinci-torneo-under-16--con-Pennetta-CamerinNel 1998, un altro successo con la Nazionale Italia: insieme a Maria Elena Camerin e  Flavia Pennetta, sotto la guida di Claudio Galoppini (che in futuro , sarà il suo coach per un paio di stagioni), vincono la Coppa del Mondo di categoria (una “Fed Cup juniores”) , in finale contro la Repubblica Ceca, che schierava tra le sue fila Daniela Hantuchova.

Diventa professionista nel 1999…

Il professionismo

 

È approdata al professionismo nel 1999. All’inizio della sua carriera assieme alla francese Sandrine Testud è arrivata, nel 2001, alle semifinali del Roland Garros e degli US Open. Ha avuto più difficoltà a farsi strada in singolare, riuscendo ad entrare stabilmente nelle prime 100 della classifica WTA solo nel 2005 grazie soprattutto alla vittoria nel torneo ITF di Dinan e alla semifinale del torneo di Eastbourne, in cui partì dalle qualificazioni e sconfisse tra le altre la n. 10 del mondo Anastasija Myskina prima di essere battuta dall’altra qualificata Vera Duševina.

Nel 2006 ha fatto parte della squadra di Fed Cup che ha conquistato a Charleroi la prima storica vittoria dell’Italia, bissando poi il successo anche a Reggio Calabria nel 2009 e nel 2010 a San Diego.Copa Colsanitas, Bogotà 2007 A fine gennaio 2007 ha raggiunto i quarti di finale del Tier I di Tokyo e il mese successivo si è aggiudicata il primo torneo in singolare del circuito maggiore sconfiggendo nella finale della Copa Colsanitas di Bogotà la connazionale Tathiana Garbin.

Barcelona Ladies Open, Barcellona 2009Il secondo successo personale della carriera arriva nel 2009 conquistando Barcelona Ladies Open di Barcellona, torneo su terra battuta di categoria International, battendo in finale la russa Marija Kirilenko, sesta testa di serie, in due set.

 

Nei primi mesi del 2010 raggiunge nuovamente la finale nella città catalana, ma viene sconfitta da Francesca Schiavone, vince però il torneo di doppio insieme a Sara Errani con cui aveva già conquistato il torneo di Marbella e raggiunto la finale ad Acapulco.BGL Luxembourg Open, Lussemburgo 2010 In ottobre, al torneo di Linz, cede solo in semifinale contro la serba Ana Ivanović, ma la settimana successiva vince il terzo titolo della carriera in Lussemburgo senza perdere un set e superando in finale la tedesca Julia Görges, concludendo così la stagione alla 38ª posizione del ranking.

 

2011

 

Barcelona Ladies Open, Barcellona 2011Il 30 aprile 2011 disputa la sua terza finale consecutiva a Barcellona e conquista per la seconda volta il torneo sconfiggendo la ceca Lucie Hradecká per 4-6, 6-2, 6-2.[2] Il 6 giugno al termine del Roland Garros migliora ancora la sua posizione, arrivando per la prima volta al n. 30.

UNICEF Open, 's-Hertogenbosch 2011La settimana successiva si aggiudica l’UNICEF Open di ‘s-Hertogenbosch, quinto titolo in carriera, sconfiggendo in successione Hercog, Dulgheru, Wickmayer, Cibulková e in finale Dokic. A Wimbledon conferma ancora una volta il suo grande momento di forma raggiungendo il terzo turno in singolare (perdendo solo da chi avrebbe poi vinto il torneo, Petra Kvitová) e gli ottavi in doppio. La settimana successiva partecipa come prima testa di serie al GDF SUEZ Grand Prix di Budapest.GDF SUEZ Grand Prix, Budapest 2011 Dopo due turni molto complessi contro Kristína Kučová e Tímea Babos, sconfigge agevolmente Klára Zakopalová e in finale batte in tre set la rumena Irina-Camelia Begu, alla sua seconda finale persa dell’anno, dopo quella di Marbella.

Questo successo le permette di migliorare ulteriormente la classifica issandosi fino alla 23ª posizione del ranking e la fa entrare nella storia del tennis italiano diventando la prima tennista a livello femminile capace di vincere tre tornei del circuito maggiore nella stessa annata, eguagliando Paolo Bertolucci e Corrado Barazzutti capaci di conquistare tre tornei ATP rispettivamente nel 1976 e nel 1977.

Successivamente raggiunge i quarti di finale al WTA Premier di Toronto in cui batte in due set tra le altre la numero uno del ranking Caroline Wozniacki e la ex primatista mondiale Ana Ivanović fermandosi di fronte all’australiana Samantha Stosur. Grazie a questo importante risultato, Roberta riesce ad approdare per la prima volta in carriera tra le prime 20 del mondo, posizionandosi alla 19ª posizione.

 

2012

 

Roberta inizia il 2012 fermandosi al secondo turno ad Auckland per mano della russa Elena Vesnina, al primo a Apia International Sydney 2012 e agli Australian Open 2012 sconfitta dalla cinese Zheng Jie per 6-4 6-2. In doppio invece il cammino è molto positivo, raggiungendo addirittura la finale insieme a Sara Errani, sconfiggendo nel loro percorso le ceche Andrea Hlaváčková e Lucie Hradecká divenendo così la prima coppia interamente italiana a disputare una finale femminile di un torneo del Grande Slam, in cui vengono però sconfitte da Svetlana Kuznecova e Vera Zvonarëva.

Nel mese di febbraio gioca a Parigi uscendo nei quarti per mano della francese Marion Bartoli, dopo che l’italiana aveva servito anche per il match. In seguito gioca nei tornei messicani di Monterrey e Acapulco dove in entrambi i tornei è accreditata dalla prima testa di serie, ma esce rispettivamente al secondo turno e nelle semifinali. Ad Indian Wells raggiunge gli ottavi eliminando Dominika Cibulkova, ma subisce una severa lezione da Maria Šharapova battuta per 6-2 6-1. Esce al terzo turno a Sony Ericsson Open 2012 per mano di Serena Williams. A Madrid trionfa nel doppio, risultato grazie al quale raggiunge la prima posizione nella classifica Race di doppio, che tiene conto dei risultati stagionali.

Al Roland Garros esce subito in singolare, mentre in doppio raggiunge la seconda finale consecutiva in un torneo del Grande Slam che si aggiudica battendo la coppia Maria Kirilenko/Nadia Petrova con il punteggio di 4-6 6-4 6-2.

Nei tornei di preparazione per Wimbledon gioca a Birmingham, in cui raggiunge i quarti, e a ‘s-Hertogenbosh. Nel Torneo di Wimbledon 2012, raggiunge per la prima volta in carriera gli ottavi di finale in un torneo dello Slam eliminando la giovane promessa australiana Ashleigh Barty, la neozelandese Marina Erakovic, la croata Mirjana Lucic (già semifinalista nel 1999) per 7-6 7-6, prima di essere sconfitta in due set da Tamira Paszek.

In agosto partecipa per la terza volta ai Giochi olimpici, ma sull’erba dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club di Wimbledon non riesce a ripetere i buoni risultati di qualche settimana prima e viene subito eliminata dalla belga Kim Clijsters. Successivamente, a Montréal, batte in rimonta Yanina Wickmayer, con un doppio 6-0 l’ex numero uno del mondo Ana Ivanović e la settima giocatrice del mondo Angelique Kerber in un match interrotto dalla pioggia, il suo torneo però si interrompe poco dopo quando, costretta a tornare in campo dopo sole due ore a causa dei ritardi, viene battuta dalla più fresca Lucie Šafářová che aveva terminato il suo incontro il giorno precedente.

Texas Tennis Open, Dallas 2012Due settimane dopo, al Texas Tennis Open di Dallas, conquista il suo primo titolo WTA dell’anno nella cui finale batte in due set l’ex n°1 del mondo Jelena Janković con il punteggio di 7-5,6-3.

Il 27 agosto cominciano gli US Open al quale prende parte come 20ª testa di serie. Nei primi turni supera nell’ordine Urszula Radwańska, sorella minore di Agnieszka, la kazaka Jaroslava Švedova e la 13ª testa di serie Dominika Cibulkova. Al quarto incontro, da sfavorita, elimina proprio l’altra Radwańska, seconda testa di serie del torneo, raggiungendo nei quarti di finale la compagna di doppio Sara Errani da cui viene sconfitta in due set.

TEB BNP Paribas WTA Championships - Istanbul 2012La strepitosa annata di Roberta si chiude
con la partecipazione ai “Master” di fine anno, sia in singolare che in doppio. Ad Ottobre, Roberta in coppia con Sara Errani, da numero 1 del mondo nella specialità di doppio, partecipano al Master di Istanbul dove vengono eliminate dalla coppia Petrova-Kirilenko col punteggio di 1-6 6-3 10-4.

La settimana successiva Roberta disputa il “Master B” di singolare, torneo riservato alle prime 8 giocatrici che hanno vinto almeno un torneo “International“ (da montepremi di “220.00,00 USD) e che non hanno preso parte al Master di Istanbul. Dopo aver superato il girone, avendo battuto la slovacca Hantuchova (6-1 6-2) e la cinese Su-Wei Hsieh (6-1 6-2), subendo solamente la sconfitta dalla danese Wozniacki (6-3 6-1), Roberta affronta in semifinale la russa Petrova. Roberta cede alla russa solamente al terzo set (6-7 6-1 6-4) dopo quasi 3 ore di partita. Roberta chiude la sua annata occupando la sedicesima posizione delle classifiche mondiali di singolare, ad un passo dal suo best ranking (nr. 15), e da numero uno al mondo in doppio.

 

2013 

 

Roberta inizia il nuovo anno giocando il Brisbane International, ma, a sorpresa, viene sconfitta dalla n°189 del ranking Jarmila Gajdosova. Dopo aver vinto il primo set per 6-4 cede gli altri due 1-6 3-6. Successivamente prende parte all’Apia International Sydney sconfiggendo Nadia Petrova per 7-5 7-5. Al secondo turno batte, dopo quasi 4 ore di gioco, Jelena Jankovic per 3-6 6-4 7-6. In questo torneo raggiunge anche la finale di doppio con l’inseparabile Sara Errani, perdendo per 3-6 4-6 dalla coppia formata da Nadia Petrova e Katarina Srebotnik. L’Australian Open si preannuncia stregato per tutte le italiane, tranne che per Roberta. Infatti al primo turno batte Silvia Soler-Espinosa per 6-3 7-5, e al secondo batte Akgul Amanmuradova per 6-3 6-2,ed esce per mano di Elena Vesnina (4-6 7-6 6-4) non riuscendo a sfruttare un match point sul 6-4 5-4 a suo favore. Australian Open, Melbourne 2013La trasferta australiana di Roberta si chiude col botto: “Roberta e Sara, dopo aver eliminato nei quarti le sorelle Williams (3-6 7-6 7-5), conquistano il titolo degli Australian Open, superando in finale le australiane Barthy- Dell’Acqua col punteggio di 6-2 3-6 6-2″.

Le italiane riescono quindi a cancellare la bruciante sconfitta rimediata in finale l’anno precedente contro le russe Kutnetsova- Zvonareva e portano a tre i titoli dello Slam vinti (Roland Garros 2012, Us Open 2012) L’ultima settimana di Gennaio vede Roberta impegnata al “21° Open GDF Suez” di Parigi, dove viene eliminata in singolare al secondo turno dalla tedesca Barthel (poi vincitrice del torneo) col punteggio di 4-6 6-1 6-3. La settimana parigina si conclude col successo nel torneo di doppio, in finale contro la coppia Huber-Hlavackova col punteggio di 6-1 6-1.

Il mese di Febbraio vede Roberta impegnata con la nazionale Italiana. Nei quarti di finale è in programma la sfida Italia- Usa. Sui campi di Rimini, Roberta contribuisce al successo della nazionale azzurra (3-2 al doppio di spareggio); nonostante la sconfitta nella prima giornata contro la Lepchenko, Roberta conquista il punto del 2 a 2 sconfiggendo la Hampton col punteggio di 6-2 4-6 6-1. Insieme alla Cichi, Sara Errani, si aggiudicano il doppio e permettono alla squadra Italiana di approdare in semifinale, dove affronteranno le vincitrici uscenti della Repubblica Ceca.

La settimana successiva, trasferta in Qatar, per disputare il “Qatar Open”. Roberta, dopo aver battuto la belga Wickmayer, si arrende alla polacca Urszula Radwanska. Nella stessa settimana , Roberta e Sara Errani conquistano il terzo successo consecutivo in doppio, sconfiggendo in finale la coppia Petrova-Srebotnik col punteggio di 2-6 6-3 10-6.Il giorno del suo trentesimo compleanno (18 febbraio), Roberta è a Dubai. Al “Duty Free Open”, la Vinci si fa un bel regalo di compleanno e raggiunge la semifinale, dopo aver battuto la ex numero 1 del mondo, Svetlana Kuznetsova, al primo turno, e nei due turni successivi, due giocatrici tra le “top ten”, Angelique Kerber (nr°6) e Samantha Stosur (nr°9). In semifinale perde il derby azzurro con Sara Errani, col punteggio di 6-3 6-3. Il 6 marzo inizia la trasferta americana.

Al torneo di Indian Wells, Roberta esce al secondo turno per mano della spagnola Arruabarrena. Si interrompe, invece, la striscia positiva delle vittorie in doppio, per mano della coppia cinese Su-Wei Hsieh- Peng al secondo turno. L’ultimo torneo di Marzo è quello di Miami; Roberta raggiunge i quarti di finale del torneo da 5,185 milioni di dollari di montepremi. Roberta gioca un torneo di grande lotta; nei primi tre turni supera in sequenza la McHale (6-7- 6-1 6-3), la testa di serie numero 20 Suarez Navarro (5-7 6-4 6-4), la francese Cornet (2-6 6-4 6-4), partite caratterizzate dal fatto che la tarantina ha sempre perso il primo set e della durata non inferiore alle due ore e mezza di gioco. Roberta esce ai quarti per mano della serba Jankovic col punteggio di 6-4 6-7 6-3, dopo un’altra battaglia di oltre due ore.Oltre alle battaglie di singolare, Roberta è in corsa in doppio; Errani-Vinci escono in semifinale per mano della coppia Raymond-Robson (6-1 6-2).BNP Paribas Katowice Open, Katowice 2013 Il mese di aprile vede Roberta impegnata in Polonia, a Katowice, torneo da 235 mila dollari di montepremi, sulla terra Indoor. Roberta, da testa di serie numero 2, gioca il suo miglior tennis e conquista il torneo superando in finale la favorita e numero 1 del seeding Petra Kvitova, col punteggio di 7-6 6-1. La settimana in Polonia si chiude con due belle notizie: Roberta raggiunge il suo best ranking in singolare, occupando la 12esima posizione in singolare, ed è in lizza per partecipare, per il terzo anno consecutivo, al “Master B” di Sofia di fine anno. Nuovo impegno con la Nazionale; il 20 e 21 Aprile, sui campi del Tennis Club Palermo, Roberta e compagne affrontano la Repubblica Ceca, guidata da Petra Kvitova. Il “Magic Moment” della tarantina continua; Roberta vince entrambi i singolari e contribuisce in maniera determinante alla vittoria azzurra per 3-1; giocando un tennis meraviglioso, sotto i suoi colpi si arrendono sia la Kvitova (nuovamente a distanza di una settimana) col punteggio di 6-4 6-1, che la Safarova (match disputato di lunedì, causa maltempo) col punteggio di 6-3 6-7 6-3. In finale, la squadra azzurra affronterà, a novembre, la compagine russa.

- sale9 - new1