Caratteristiche tecniche

Inizialmente considerata da molti come un’ottima doppista, Roberta ha senz’altro nel gioco a rete il suo punto di forza: possiede infatti la migliore voleè del circuito femminile, con una varietà di soluzioni che vanno dalle voleè alte a quelle basse e alle demi-voleè, unica che nel circuito le gioca con costanza. Tuttavia, Roberta negli anni ha migliorato notevolmente il suo gioco da fondo campo, grazie al quale è diventata un’ottima singolarista, con un gioco molto diverso rispetto alle sue avversarie: infatti, mentre le sue colleghe incentrano il proprio tennis sulla forza e sulla violenza dei colpi (un esempio palese è quello delle sorelle Williams), lei imposta il suo gioco sulla varietà dei colpi e delle rotazioni e sulla continua ricerca della rete. Dei due fondamentali, il migliore è il rovescio, giocato a una mano, quasi sempre in slice (lo gioca in top spin solo nelle situazioni più difficili, come i passanti), che rimane molto basso e risulta quindi difficile da controllare per le avversarie; inoltre è un colpo che usa come approccio d’attacco per avvicinarsi e chiudere il punto a rete; il diritto, invece, è meno sicuro, anche se è progredito con il tempo ed è diventato un colpo meno falloso e con cui si apre il campo per scendere nei pressi della rete.

slider3

- sale9 - new1